Allora gli anni zero sono davvero finiti

gennaio 4, 2010

Radiohead Working on New Album da Pitchfork: Latest News

Homepage photo by Kevin Westenberg

Back in OctoberRadiohead guitarist Ed O’Brien mentioned that his decade-award-dominating group was planning on heading back into the studio “in winter.” And hey, it’s winter. And Radiohead are back in the studio, just like O’Brien said. Hello 2010!

Writing on the band’s Dead Air Space blog on December 19, the guitarist said, “The vibe in the camp is fantastic at present, and we head off into the studio in January to continue on from the work we started last Summer. I am so genuinely excited about what we’re doing, but for obvious reasons I can’t divulge anything more…anyway we all love surprises don’t we? 10 years ago we were all collectively (that’s the band) in the land of Kid A…and although hugely proud of that record, it wasn’t a fun place to be…What’s reassuring now, is that we are most definitely a different band, which should therefore mean that the music is different too and that is the aim of the game…keep it moving.”
O’Brien gave away a little more about the State of Radiohead in a Rolling Stone interview: “We feel way more empowered in terms of our art and what we’re doing. We have been rehearsing for the last four weeks, for this new record. And we are in a very different place, a very new place. I don’t know if this is relevant, but I was talking with [drummer] Philip [Selway] three days ago about this. We were saying, ‘What’s different?’ And one of the things is we do things without fear. […] The thing that is different about In Rainbows is that it was an album from the heart. It was a lot warmer. And from what I’m making out in the rehearsal room now, there are still elements of that. […] I’m an eternal optimist, but I truly believe we can shift massively on this [next] record. That’s the thing we all know, that we feel in our bellies as we’re rehearsing– we’re on a big move here.” Good things happen when this band makes big moves.
In other Radiohead news, Thom Yorke put up a final furious report from his trip to the United Nations Climate Change Conference on Dead Air Space. And the singer contributes to the soundtrack for an upcoming documentary about Tibet called When The Dragon Swallowed the Sun. (Via Consequence of Sound.) The film, which also features music by Philip Glass and Damien Rice, is due out early this year.
Annunci

Wilco

gennaio 4, 2010

As 2009 and the decade draws to a close, WILCO (the album) has begun popping up on a number of lists, a sampling of which are listed below. In addition Yankee Hotel Foxtrot has been named to a number of Best of the Decade lists.

WILCO (the album)

Amazon.com – #12 – Best 100 Albums of 2009
Associated Press – #3 Best Rock Albums of 2009
Boston Herald – Jed Gottleib’s A Top 10 of 2009
Chicago Sun-Times – #26 – Jim Derogatis Best Albums of 2009
Hits Daily Double – #6 – Top 30 Albums of the Year
The Independent– Album of the Year
NPR All Songs Considered
– #7 – Listener’s Pick of the Year
NPR World Cafe
– #4 – David Dye’s Best Albums of 2009
Oklahoma Daily -#47 – Best Albums of 2009
Pop Matters – #24 – Best 60 Albums of 2009
Prefix Magazine – #23
Rolling Stone-Germany – #1 – Album of the Year
7×7 Magazine (San Francisco) – #7 – 10 Best Albums of 2009
Spin – #39 – 40 Best Albums of 2009

BEST ALBUMS OF THE DECADE

ADIRONDACK DAILY ENTERPRISE – #2 – Yankee Hotel Foxtrot
AMAZON – #10 – Yankee Hotel Foxtrot
AQUARIUM DRUNKARD – #1 – Yankee Hotel Foxtrot
AV CLUB
– #5 – Yankee Hotel Foxtrot
CONTRA COSTA TIMES – #18 – Yankee Hotel Foxtrot
EW.com – Gossip Girls co-creators Albums of the Decade – Best Albums About Becoming a Grownup (which happened to me this decade… a.k.a. Best Albums I Listened To a Lot) Yankee Hotel Foxtrot
GLIDE – #3 – Best Albums of the Decade – Yankee Hotel Foxtrot
METROMIX DETROIT
– #12 – Yankee Hotel Foxtrot
MINNESOTA DAILY – #8 – Yankee Hotel Foxtrot
PASTE – CRITICS – #2 – Yankee Hotel Foxtrot
PASTE – READERS – #1 – Yankee Hotel Foxtrot
PITCHFORK – #4 – Yankee Hotel Foxtrot
POPDOSE – #83 – A ghost is born #2 – Yankee Hotel Foxtrot
ROLLING STONE – Best Albums of the Decade – # 3 – Yankee Hotel Foxtrot – #97 – Sky Blue Sky (Also named Jesus, Etc. as #67 on Best Songs of the Decade list)

We’ll continue to update this list on an ongoing basis.


Sugar Magnolia

settembre 26, 2009

Sugar magnolia, blossoms blooming, heads all empty and I dont care,
Saw my baby down by the river, knew shed have to come up soon for air.

Sweet blossom come on, under the willow, we can have high times if youll abide
We can discover the wonders of nature, rolling in the rushes down by the riverside.

Shes got everything delightful, shes got everything I need,
Takes the wheel when Im seeing double, pays my ticket when I speed

She comes skimmin through rays of violet, she can wade in a drop of dew,
She dont come and I dont follow, waits backstage while I sing to you.

Well, she can dance a cajun rhythm, jump like a willys in four wheel drive.
Shes a summer love for spring, fall and winter. she can make happy any man alive.

Sugar magnolia, ringing that bluebell, caught up in sunlight, come on out singing
Ill walk you in the sunshine, come on honey, come along with me.

Shes got everything delightful, shes got everything I need,
A breeze in the pines and the sun and bright moonlight, lazing in the sunshine yes
Indeed.

Sometimes when the cuckoos crying, when the moon is half way down,
Sometimes when the night is dying, I take me out and I wander around, I wander
round.

Sunshine, daydream, walking in the tall trees, going where the wind goes
Blooming like a red rose, breathing more freely,
Ride our singin, Ill walk you in the morning sunshine
Sunshine, daydream. sunshine, daydream. walking in the sunshine.


Si riparte

settembre 26, 2009

Sto provando wpress per iPhone, vediamo se rivitalizza il blog


Belli i miei Sebastian…

dicembre 2, 2008

I dischi, ogni tanto, fanno anche male. Perché ci portano alla mente il tempo trascorso, o perché ci obbligano a ricordi sgraditi, oppure perché, ed è il nostro caso, ci pongono di fronte alla parabola cadente di un artista. Queste Bbc Session dei Belle and Sebastian sono proprio quello che non ci voleva. E’ vero, c’è un progetto discografico a lungo vagheggiato (si parla di un film in musica), ma ci sono alle spalle due album (Dear Catastropher Waitress e The Life Pursuit) che hanno chiarito come i B&S di una volta, quelli amati, sono morti e sepolti. Ebbene, adesso arrivano queste registrazione (peraltro già ampiamente bootlegate e ben note ai fan di più stretta osservanza) tratte da cinque show alla Bbc e che altro non fanno se non girare il coltello nella piaga.

I Belle and Sebastian erano sostanzialmente un gruppo in cui “credere”. Nati quasi per gioco a metà degli anni novanta a Glasgow da un’idea di Stuart Murdoch, sono diventati una band di tale successo da riempire palazzetti, quando non stadi, di qua e di là dell’oceano. La storia è risaputa, ma giova ricordarla: Murdoch, uno studente col pallino del pop, chiese ad alcuni amici di accompagnarlo per un disco da presentare al corso di musica professionale del college. Un progetto amatoriale e a tempo, da cui (sventura!) nacque un gioiello assoluto come “Tigermilk”, il cui successo obbligò la band a prendere sul serio i propri mezzi e continuare l’avventura. Erano anni scanzonati, dominati da un approccio naïf alla musica, quel “pop da cameretta” frutto di un collage di emozioni e sensazioni molto sixties e dominate da una vena malinconica tutta british. Atmosfere struggenti, arrangiamenti piovosi come la loro Glasgow, un modo di scrivere e fare musica tanto disincantato quanto capace di scavare nel profondo. Per questo era bello crederci.

Il culto diventò enorme e dietro ai B&S nacque un intero movimento, tanto velocemente ribattezzato New Acoustic Movement (per l’attitudine a preferire arrangiamenti parchi, strumenti acustici e leggiadre orchestrazioni pop), quanto rapidamente scomparso nel volgere d’una stagione. A questo periodo si riferiscono le Bbc Session, al quinquennio 1996-2001, quando escono quattro album (uno più bello dell’altro, tanto per essere chiari), nonché una manciata di singoli ed ep. Pratica, quest’ultima, che contribuirà non poco a far crescere il culto del gruppo scozzese come nel decennio passato era successo a un’intera schiera di rocker inglesi in cardigan a quadri e ciuffi impomatati. Canzoni che a risentirle adesso fanno male tanto sono perfette nella loro semplicità. Melodie-killer da lasciar senza fiato che, per molti e anche per il sottoscritto, altro non sono che il germogliare del seme lasciato cadere da Paul Simon nel suo soggiorno in terra d’Albione di metà anni sessanta.

Riprova ne sono queste Bbc Session di cui  è inutile fare il conto della tracklist, o ricordare i quattro inediti messi a chiusura del disco. Basterà dire che sono un ottimo modo per avvicinarsi alla band, sebbene in modo obliquo: i B&S sono tutto fuorché una macchina perfetta sul palco, come testimonia il live distribuito con la “deluxe edition”. Un’avvertenza, però, corre l’obbligo di farla: occhio, perché una volta scoperti i Belle & Sebastian, difficilmente riuscirete a farne a meno. Il mondo è pieno di testimonianze in tal senso.


Clare and The Reasons

ottobre 25, 2008

Clare & The Reasons – The Movie (Fargo)

 

Anzitutto, è bene dirlo: Clare è una donna fortunata. Perché bella, brava, dotata di talento e di una voce suadente e ricca di sfumature. Ma è anche perché di cognome fa Muldaur e suo padre di nome fa Geoff. Indovinato: proprio il geniale folksinger e bluesman, partner di Dylan e Paul Butterfield (fra gli altri) negli anni Sessanta, autore del celebre tema di “Brazil” di Terry Gilliam, produttore, session man, nonché titolare, anche assieme alla moglie Maria, di una manciata di ottimi album. Sicuramente, oltre al dna, nella vicenda di Clare contano anche l’ambiente, le sollecitazioni, le amicizie cui l’avrà sottoposta il padre. Non c’è da restare esterrefatti, dunque, se il suo album di esordio, The Movie, sia un riuscito pastiche di pop sognante, folk arguto e sbarazzino, richiami alle orchestre jazz e fradicio di atmosfere sixties, cori, coretti, archi e chitarre come non se ne sentiva da un pezzo.

Tutto merito di Marie, sia chiaro: il padre, stavolta, lo zampino non ce lo mette, anche se la visita in studio di un vecchio amico paterno, Van Dyke Parks, giova non poco all’ambiente. Se i Reasons, guidati dal compagno di Clare, Olivier Manchon, sono qualcosa di più di un ottimo accompagnamento al talento della lead singer, la presenza dello storico produttore e musicista aleggia su tutto il disco. La sua impronta fa capolino in ogni brano, che siano coretti alla Beach Boys, progressioni melodiche alla Beatles o lussuriose orchestrazioni alla sua maniera; la presenza di Van Dyke Parks in “The Movie” è il classico cacio sui maccheroni.

Il risultato finale è un disco piacevolissimo dall’inizio alla fine, assolutamente consigliato a chi ama il pop d’autore, ma anche a chi vuole concedersi una pausa rilassante, un bagno caldo fra chitarre acustiche, archi e dolci melodie. Quasi si fatica a indicare un brano migliore dell’altro e se alla fine le preferenze cadono su alcuni episodi piuttosto che altri, è solo una questione di gusti personali. Colpiscono Nothing/Nowhere, arricchita da un cameo di Sufjan Stevens, l’iniziale Pluto (poi riletta in chiave jazzy e cantata in francese alla fine del disco), o la mossa Rodi. Delude, invece, l’unica cover del lotto: Everydoby Wants to Rule the World, ripescata chissà perché dal repertorio dei Tears fo Tears, ma che nella rilettura di Clare mette mostra l’unico vero limite del disco (anche se forse di forza si dovrebbe parlare), cioè una certa uniformità negli arrangiamenti e nello spirito esecutivo. Peccato veniale: in verità, infatti, conferma come Clare sia dotata di una scrittura ben al di sopra della media. Difficile ipotizzare che di lei non se ne sentirà più parlare poiché se all’esordio appare già matura e navigata come autrice, è il fascino complessivo del personaggio a colpire. Un hype tale da poter insidiare a una come Joan as the Police Woman lo scettro di reginetta della nuova ondata di musica d’autore americana.


Grace Slick, essere stati qualcosa di diverso.

ottobre 6, 2008

Una madre, come altre madri, ha il compito di guidare i suoi figli alla scoperta della vita. Non da meno, Grace, in quegli anno fecondi, lo ha fatto. Con affetto, attenzione, con le parole e con i gesti. Gesti come questo dito mostrato nella foto che ha il solo scopo di ricordarci che non c’è dolcezza che abbia un senso senza la rabbia. Ogni giorno dovremmo ricordarcelo quando ci mettiamo a pensare ai fatti di qualsiasi genere o azioni verso le quali ci verrebbe da muoverci a pietà o perdono.

L’estate dell’amore ha insegnato a tutti che, appunto, l’amore viene prima di ogni altra cosa, ma anche che non lo si può sostituire a qualsiasi cosa. Non può essere l’amore a prendere posto della rabbia o dello sdegno. Non può l’amore né sfamare, né curare le malattie. Lo sapeva bene Grace Slick e l’ha insegnato altrettanto bene ai suoi figli. Ricordarselo oggi significa liberarci di una serie di menzogne con cui troppo spesso giudichiamo limitandoci all’aspetto esteriore di un fatto.

Ci pensavo l’altra domenica, uscendo dallo stadio dopo Siena-Roma ho assistito a una scena raccapricciante: una macchina dei carabinieri che nel vano tentativo di rincorrere alcuni tifosi romanisti che stavano scappando, ha attraversato a tutto gas le strade strette e tortuose del centro storico, mettendo a serio rischio l’incolumità delle centinaia di persone che, come qui usa fare, tornavano a casa dalla partita in modo pacifico e tranquillo. Violenta e giustificata la reazione della gente che ha preso a brutto muso i carabinieri. Ma che senso ha avuto un’azione del genere? I tifosi romanisti sono stati comunque arrestati e alcuni di loro già domenica prossima saranno allo stadio, o comunque in giro.

Ha davvero senso, in uno Stato come il nostro, dove il perdono per chi delinque ha sostituito ogni gesto d’amore _ e punire è un gesto d’amore verso chi ha subito un torto, verso le vittime _ mettere a repentaglio la vita di qualcuno per, di fatto, un niente? Non ha senso, e allora la rabbia sfogata della gente sui carabinieri non è più soltanto la rabbia per un’azione scellerata, è la rabbia di chi ha capito che comunque non c’è niente da fare e che la violenza genere solo azioni violente.

Grace Slick avrebbe alzato il dito medio con aria beffarda e avrebbe fatto proprio bene. Non dobbiamo tenerla dentro questa nostra rabbia, dobbiamo farla pascolare con l’amore e darle libero sfogo. Ce lo aveva insegnato, ce ne siamo dimenticati.